CONSULENZA FERTILITY SAVE: UN AIUTO PRIMA DELLA CHEMIOTERAPIA

19 Agosto 2019 - FERTILITY SAVE - CHEMIOTERAPIA - GRAVIDANZA DOPO IL CANCRO - Articolo di Agata Giuffrida (*fonte AIMAC)
MENU
SOCIAL
SITI AMICI lorem ipsum
CONTATTI lorem ipsum
Copyright 2018 - 2019

LA NUOVA VITA
HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG
“Nessuno è più capace di te di renderti felice” - Thomas Torelli
Tra     i     vari     effetti     collaterali     che     si     possono     riscontrare     nel     periodo     della chemioterapia,   quando   siete   lì   lì   per   decidere   se   salvarvi   le   penne   o   cercare   di mantenere   integre   le   vostre   ovaie   e   la   vostra   capacità   di   procreare,   può   essere sicuramente   di   aiuto   e   di   supporto   una   consulenza   Fertility   Save,    che   sicuramente l’ospedale   che   vi   ha   in   cura   vi   proporrà,   se   rientrate   tra   le   “fortunate”   giovani   che sono state operate di tumore al seno e ancora non hanno figli. Questo    perché    le    cure    chemioterapiche    possono    portare    a    una    eventuale    pre- menopausa.   Che   però   potrebbe   non   avvenire   nell’immediato,   ma   dopo   qualche anno.    A    cosa    dovete    prepararvi?    Intanto    a    rimandare    le    vostre    cure,    perché    il prelievo   deve   essere   fatto   prima   che   inizi   tutto   l’iter   medico,   fatto   di   chemioterapie, radioterapie   e/o   cure   ormonali   e   chi   ne   ha   più   ne   metta;      a   un   piccolo   intervento,   in sedazione   profonda,   perché   vi   preleveranno    gli   ovociti   (o   gli   embrioni ,   a   seconda dei    casi)    che    verranno    conservati    nell’azoto    liquido.    Il    metodo    di    conservazione permette   di   non   intaccare   le   loro   caratteristiche   biologiche   anche   dopo   anni   di congelamento    e,    nel    momento    in    cui    decidiate    di    avere    dei    pargoli,    verranno reimpiantati. Il   successo   di   questo   sistema   dipende   dalla   vostra   età   e   dal   numero   di   ovociti   che   si riescono a recuperare. Questo    sistema,    così    come    il    congelamento    degli    embrioni,    ha    bisogno    di    una stimolazione   ovarica,   che   però   potrebbe   risvegliare   anche   eventuali   cellule   tumorali sensibili agli ormoni. Quali    ulteriori    possibilità    avete?    Sempre    a    discrezione    dei    vostri    medici,    che valuteranno   i   metodi   più   adatti   in   base   al   vostro   percorso   clinico   personale,   si potranno,   per   esempio,   “addormentare”   le   cellule   destinate   alla   riproduzione,   grazie alla   somministrazione   farmacologica   di   analoghi   del   GnRH ,   che   non   ritardano l’inizio   delle   cure,   sono   ben   tollerati,   ma   soprattutto   non   dovrete   finire   sotto   i   ferri per l’ennesima volta. Un   altro   modo   per   la   preservazione   della   fertilità   è   il   congelamento   del   tessuto   ovarico .    Ma    siamo    alle    solite.    Questo    iter,    infatti,    prevede    un    intervento    in laparoscopia,   con   anestesia   generale,   che   rimanda   l’inizio   delle   cure   oncologiche, anche   se   di   pochi   giorni.   Il   tessuto   ovarico   prelevato   viene   suddiviso   in   frammenti   e conservato   in   azoto   liquido   così   come   ovociti   e   embrioni.   E’   una   tecnica   che   non richiede    la    stimolazione    ovarica    ed    è    l’unica,    al    momento,    che    si    conosca    per preservare la fertilità nelle pazienti in età prepuberale. E   se   non   ve   la   sentite   di   intraprendere   un   ennesimo   percorso   medico,   fatto   di interventi,   esami   o   farmaci   da   prendere,   e   comunque   avete   un   cuore   grande   che   va al   di   là   del   fatto   che   abbiate   o   meno   partorito   una   creatura   fatta   del   sangue   del vostro sangue, ricordatevi che c’è sempre l’ adozione. Aver   avuto   un   cancro   NON   E’   DISCRIMINANTE   PER   L’ADOZIONE   DI   UN   BAMBINO. Certo,   forse   il   percorso   sarà   più   lungo,   dovrete   dimostrare   di   essere   in   grado   di prendervi   cura   di   lui   o   lei,   avrete   probabilmente   la   necessità   di   fare   più   incontri   con tribunali, assistenti sociali e psicologi, ma se è veramente quello che volete, fatelo! *

RELAZIONI, AMICIZIA, E AMORI: RITORNARE SINGLE

FISICO, MENTE E SPIRITO: COME PRENDERSI CURA DI SE’ A 360 GRADI

30  Agosto 2019 - ATTIVITA’ FISICA COSTANTE - DIETA EQUILIBRATA - YOGA E MEDITAZIONE - PENSIERO POSITIVO - Articolo di Agata Giuffrida
Premesso   che   bisognerebbe   prendersi   cura   di   se’   stesse   sempre   e   in   qualsiasi situazione    fisica    ed    emotiva    ci    si    trovi    ad    affrontare    nel    corso    della    nostra esistenza,   la   diagnosi   di   un   tumore   ci   obbliga   a   concentrarci   SOLO   SU   DI   NOI   E AL   NOSTRO   BENESSERE   PSICOFISICO.   Quindi,   smettetela   di   pensare   agli   altri (marito,   compagno,   genitori,   figli,   cane,   gatto…)   e   ad   altro   (lavoro,   casa,   spesa, pulizie…)   e   pensate   unicamente   a   voi,    a   cosa   vi   fa   stare   bene,   perchè   se   non state   bene,   in   equilibrio   con   voi   stesse,   non   potrete   sicuramente   occuparvi   degli altri    e    di    altro.    Pazienza    se    vi    daranno    dell’egoista.    Pazienza    se    alcuni    si allontaneranno   da   voi.   In   queste   particolari   situazioni   si   disvelano   le   persone per   come   realmente   sono   e   se   con   voi   non   hanno   niente   a   che   fare,   va   bene così. In   linea   generale,   da   qualsiasi   situazione   fisica   voi   partiate,   procedete   per   gradi. Ovviamente   non   potrete   iniziare   con   il   fare   20   kilometri   di   corsa   in   un’ora   se   da anni   non   mettete   ai   piedi   un   paio   di   scarpe   da   ginnastica   se   non   per   fare   il   giro dell’isolato. Organizzatevi   in   modo   tale   che   OGNI   GIORNO ,   possiate   fare   dell’   ATTIVITA’ FISICA . Scegliete   quel   che   vi   piace,   provando   qualsiasi   cosa,   in   gruppo   o   da   sole,   al chiuso   o   all’   aperto,   finchè   non   troverete   il   vostro   equilibrio   e   soddisfazione   in quello che fate. Personalmente   ho   cominciato   attività   fisica   andando   a   camminare   nei   parchi, facendo   cyclette   e   camminata   su   tapis   roulant   in   palestra,   prima   di   sentirmi pronta per la piscina. L’obiettivo   è   raggiungere   i      35/40      minuti      al      giorno      di      sport      con   intensità media    per    5/7    volte    alla    settimana,    oppure    un’    attività            fisica            di          intensità         elevata,         che   consiste   in   40/60   minuti   al   giorno   per   3   volte   a settimana. Va   da   sè   che   dovrete   eliminare   zuccheri   raffinati,   ridurre   o   eliminare   carne   e affettati,   moderarsi   con   i   formaggi   e   eliminare   fumo   e   alcol,   prediligere   frutta, verdura,   cerali   non   raffinati   e   legumi.   Sarà   dura   e   avrete   delle   ricadute   ma l’importante   è   che   riusciate   ad   avere   come   linea   guida   principale   il   mangiare sano:    eliminare   prodotti   pronti,   preconfezionati,   prodotti   da   forno   e   preferire verdure fresche o pure (anche se congelate o imbustate). Il   pensiero   crea .   Ricordatevelo.   Ogni   cosa   che   pensate   può   farvi   bene   o   male. Pensare al passato con rimpianto o al futuro con angoscia, non vi aiuta. Concentratevi   sul   presente,    su   ciò   che   siete   adesso   e   su   cosa   volete   essere   o diventare    e    cosa    potete    fare    per    ottenerlo.    Godete    ogni    giorno    di    piccoli momenti:   della   colazione,   del   sole,   della   telefonata   di   un   amico,   del   profumo dei fiori. Basta poco per essere felici ma ce lo dimentichiamo troppo spesso. Forse   penserete   che   lo   yoga   non   faccia   per   voi,   che   potreste   innervosirvi   o   che non   siete   capaci   a   meditare.   Come   diceva   qualcuno,   nessuno   nasce   imparato   e   i benefici   che   lo   yoga   e   la   meditazione   apportano   al   fisico   e   alla   mente   sono scientificamente   documentati.   Direi   che   vale   la   pena   tentare.   Affidatevi   a   una vera   scuola   di   yoga   e,   come   tutto,   iniziate   gradatamente.   E’   una   pratica   che   ci   fa fare i conti con il nostro vero sè, essendo abbastanza introspettiva. Siamo   sempre   propensi   ad   andare   di   corsa,   a   non   fermarci   mai   veramente,   a non    pensare    a    quel    che    viviamo    attivamente.    Lo    yoga,    ma    soprattutto    la meditazione,   ci   insegnano   a   trarre   il   meglio   dal   momento   presente   e   da noi    stessi,    ritrovando    la    nostra    calma    interiore    che    ci    permetterà    di affrontare al meglio la vita di tutti i giorni.

CANCRO E LAVORO: TUTTO E’ POSSIBILE?

27 Ottobre 2019 - CATEGORIA PROTETTA - LEGGE 104 - PART-TIME - MOBBING - Articolo di Agata Giuffrida
Tra i tanti settori che la malattia influenza, il lavoro è uno di questi. Ed   è   anche   uno   dei   più   importanti.   Perchè   ci   può   aiutare,   ci   può   distrarre,   ma può   anche   causare   stress   e   delusioni,   soprattutto   se   il   nostro   capo   o   i   nostri colleghi   non   riescono   a   capire   la   situazione   (e   purtroppo   la   seconda   ipotesi   è molto più frequente della prima). Questo   perchè   le   donne   operate   al   seno,   a   parte   la   chemioterapia   che   rende molto   evidente   il   loro   stato   di   salute,   dopo   intervento   e   cure,   sembrano NORMALI.   Non   so   voi,   ma   io   normale   non   mi   ci   sento   ormai   da   quattro   anni. Siamo   diverse   da   prima   e   questo   è   un   dato   di   fatto.   Avremo   una   vita   diversa da    prima    è    questa    è    accettazione.    Far    valere    i    nostri    diritti    di    malate oncologiche    o    in    follow-up    è    nostro    dovere.    Ottenere    comprensione    e considerazione   dagli   altri   -   colleghi   o   datori   di   lavoro   -   per   mia   esperienza personale, è pura utopia. Per    chi    non    lo    avesse    ancora    fatto,    è    necessario    iscriversi    alle    liste    di collocamento    mirato,    se    quando    vi    hanno    comunicato    ufficialmente    la percentuale di invalidità eravate disoccupate come la sottoscritta. Personalmente    non    davo    due    centesimi    a    questo    particolare    canale    di ricerca del lavoro offerto dal Centro per l’Impiego della mia città. Ma   con   una   percentuale   provvisoria   del   75%,   l’obbligo   di   legge   di   assumere categorie   protette   da   parte   delle   aziende   con   più   di   50   dipendenti,   pena multa    di    circa    60    dindi    al    giorno,    lo    sgravio    fiscale    e    l’agevolazione contributiva, dopo 8 mesi mi contattarono per un colloquio di lavoro. Segretaria    part-time,    ma    vicino    casa.    A    un    anno    dall’intervento,    in    piena terapia   con   hercepin   e   ancora   con   mille   esami   di   controllo   nella   lista   delle priorità e i capelli corti. Il   colloquio   avvenne   in   una   stanza   dove   uno   dei   miei   capi   fumava   il   sigaro.   E già   da   li   dovevo   capire   la   mancanza   di   rispetto   degli   altri   che   quell’ambiente offriva. Non dissi nulla perchè mai e poi mai pensavo mi prendessero. E invece avvenne. Contratto a tempo indeterminato, part-time, vicino casa. Piccolo particolare: non era il mio lavoro. Partita   doppia   e   fatture   le   avevo   solo   intraviste   a   scuola.   Avrei   imparato. Certo,   se   mi   avessero   spiegato   con   calma.   E   come   si   sa   a   lavoro   nulla   è   mai con   calma,   sempre   fretta,   produrre   e   fare   e   mandare.   Scarsa   capacità   di attenzione,   difficoltà   di   integrazione,   non   riconoscenza   per   il   fatto   che   i   primi 3   mesi   mi   ero   scapicollata   a   non   usare   la   104   e   a   recuperare   le   ore   perse   per visite e terapie. Senza comprensione, senza riconoscenza. E sapete perchè? Perchè   adesso   nel   mercato   del   lavoro   è   in   vigore   una   nuova   moda:   quella   di non   pagare   gli   straordinari,   non   pagare   le   ore   in   più   da   contratto,   di   avere   la pretesa,   non   scritta,   che   devi   fermarti   a   finire   il   lavoro   e   non   essere   pagata. Poi iniziò il mobbing. Verbale. Alchè   iniziai   a   prendere   i   miei   permessi,   3   giorni   al   mese,   oppure   entrare dopo, oppure uscire prima. Poi   la   sede   amministrativa   si   trasferì,   e   mi   chiesero   se   per   me   fosse   un problema. Gli dissi di no.
Il   nuovo   ufficio:   uno   scantinato   nel   sottoscala   di   un   negozio,   l’ex   cucina   di   un ristorante.   Senza   finestre,   senza   uscite   di   sicurezza,   senza   estintore   e   con una   porta   scorrevole   che,   se   qualcuno   andava   in   bagno,   tu   eri   chiusa   dentro e   non   potevi   uscire.   E   con   il   capo   che   continuava   a   fumare   il   suo   maledetto sigaro.    Durai    3    giorni.    Esaurimento    Nervoso.    Mi    misi    in    mutua    e    con ostinazione cercai un altro lavoro. Se   sei   categoria   protetta,   non   puoi   licenziarti   se   il   posto   di   lavoro   te   lo hanno   trovato   tramite   il   Centro   per   l’Impiego,   altrimenti   esci   dalla   lista   di collocamento   mirato,   ma,   cosa   più   importante,   se   ti   licenzi   non   hai   diritto alla disoccupazione. Mi   misi   in   mutua   a   fine   ottobre.   Dopo   non   so   quanti   colloqui   a   novembre,   il 3 dicembre iniziavo un nuovo lavoro.
Per   molte   di   noi,   la   malattia   è   stata   la   prova   del   nove   di   molte   relazioni   e   di   parecchi   matrimoni.E   non   sempre   questa   prova   è   stata superata   brillantemente.   Anzi,   il   più   delle   volte   ci   siamo   trovate   alle   prese   con   uomini   poco   presenti   emotivamente,   che   non   ci capivano   e,   nel   peggiore   delle   ipotesi,   che   ci   abbandonavano.   Personalmente,   il   mio   se   n’è   uscito   con   la   frase:   “Non   mi   piaci   più fisicamente”.   Eh   si   una   tetta   fa   la   differenza   in   una   relazione.   Fa   la   differenza   se   non   ci   si   ama   veramente,   fa   la   differenza   se   si   ha paura,   fa   la   differenza   se   si   è   egoisti.   Una   cosa   è   certa:   gli   uomini   sono   (quasi)   tutti   stronzi.   Quindi,   la   prova   del   nove,   se   non   viene superata,   rimescola   le   carte   e   ci   fa   partire   da   zero   come   donne   e   come   relazionarci   con   i   successivi   partner   o   persone   di   sesso maschile.   A   un   anno   e   mezzo   dalla   diagnosi,   mi   ritrovai   senza   una   tetta,   ma   con   una   protesi   e   i   capelli   cortissimi,   e   pure   single.   Il mio   ex   ragazzo   non   è   mai   stato   presente   o   empatico   verso   le   mie   necessità,   e   men   che   meno   quando   mi   sono   ammalata,   forse fatta   eccezione   per   l’intervento   e   il   post   intervento   (durata   media   del   cambiamento   circa   dieci   giorni).   Come   affrontare   tutto   ciò,   mi chiederete?   Intanto   guardatevi   intorno:   chi   vi   è   stato   veramente   vicino?   Chi   si   è   occupato   di   voi?   Chi   vi   ha   capito,   consolato, ascoltato,   aiutato?   Gli   amici?   Le   amiche?   I   familiari?   I   conoscenti?   I   colleghi?   Partite   da   loro.   Da   chi   vi   vuole   veramente   bene   e   ci tiene   a   voi.   Saranno   la   vostra   forza,   perché   vi   aiuteranno   a   trovare   sicurezza   in   voi   stesse   e   a   riprendere   in   mano   la   vostra   vita. Valutate   cosa   vi   manca:   mi   ero   resa   conto   di   non   avere   amicizie   maschili   o   amiche   single   con   cui   uscire.   Create   rete   e   il   resto   verrà da   sé.   Iscrivetevi   a   dei   corsi   dove   ci   sia   gente   da   conoscere,   utilizzate   internet   in   maniera   consapevole   per   conoscere   nuove persone:   magari   all’inizio   non   sarà   facile   e   vi   farete   prendere   dallo   scoramento,   ma   non   mollate.   Fate   quello   che   vi   piace:   un   corso di   ballo,   piscina,   oppure   iscrivetevi   a   dei   circoli,   delle   associazioni,   dei   corsi   di   cucina.   Unite   le   vostre   passioni   alle   persone.   Create legami.   Vi   stupirete   di   quanta   gente   potrete   conoscere   e   quante   cose   belle   potrete   fare.   Ovviamente   la   delusione   potrebbe   essere dietro   l’angolo.   Ma   è   la   vita,   bisogna   andare   avanti.   Qualcuno   non   vi   capirà,   qualcuno   vi   prenderà   in   giro,   qualcun   altro   seguirà altre   strade.   Ma   molti   rimarranno,   vorranno   sentirvi   e   uscire   con   voi,   perché   ci   tengono.   Ed   è   da   li   che   dovrete   partire.   Non sprecate   energie   e   tempo   con   persone   che   valgono   poco.   Valutate   se   vi   fa   stare   bene   e   siate   selettive.   Al   primo   posto   ci   siete sempre   voi   e   nessun   altra.   Ve   lo   meritate,   ce   lo   meritiamo.   Cambiate   quello   che   non   vi   piace,   vivete   il   presente   pienamente   senza pensare   al   passato   o   al   futuro.   Le   situazioni   hanno   molte   prospettive   soggettive.   Se   una   situazione   non   vi   piace   è   perché   la   si guarda da una prospettiva sbagliata. Cercatene il senso positivo e adoperatevi a costruire la vostra felicità.
MENU
SOCIAL
SITI AMICI Lorem Ipsum
CONTATTI Lorem Ipsum
COPYRIGHT 2018
LA NUOVA VITA

CONSULENZA FERTILITY

SAVE: UN AIUTO PRIMA

DELLA CHEMIOTERAPIA

19 Agosto 2019 FERTILITY SAVE - CHEMIOTERAPIA GRAVIDANZA DOPO IL CANCRO Articolo di Agata Giuffrida (*fonte AIMAC)
HOME ALIMENTAZIONE ATTIVITA' FISICA FARMACI E NATURA PSICOLOGIA IMMAGINE YOGA E MEDITAZIONE BLOG
“Nessuno è più capace di te di renderti felice” - Thomas Torelli
Tra   i   vari   effetti   collaterali   che   si   possono   riscontrare nel   periodo   della   chemioterapia,   quando   siete   lì   per    decidere    se    salvarvi    le    penne    o    cercare    di mantenere     integre     le     vostre     ovaie     e     la     vostra capacità    di    procreare,    può    essere    sicuramente    di aiuto   e   di   supporto   una   consulenza   Fertility   Save,   che    sicuramente    l’ospedale    che    vi    ha    in    cura    vi proporrà,   se   rientrate   tra   le   “fortunate”   giovani   che sono    state    operate    di    tumore    al    seno    e    ancora non hanno figli. Questo    perché    le    cure    chemioterapiche    possono portare   a   una   eventuale   pre-menopausa.   Che   però potrebbe    non    avvenire    nell’immediato,    ma    dopo qualche   anno.   A   cosa   dovete   prepararvi?   Intanto   a rimandare    le    vostre    cure,    perché    il    prelievo    deve essere   fatto   prima   che   inizi   tutto   l’iter   medico,   fatto di   chemioterapie,   radioterapie   e/o   cure   ormonali   e chi   ne   ha   più   ne   metta;      a   un   piccolo   intervento,   in sedazione    profonda,    perché    vi    preleveranno     gli ovociti    (o    gli    embrioni ,    a    seconda    dei    casi)    che verranno   conservati   nell’azoto   liquido.   Il   metodo   di conservazione    permette    di    non    intaccare    le    loro caratteristiche     biologiche     anche     dopo     anni     di congelamento   e,   nel   momento   in   cui   decidiate   di avere dei pargoli, verranno reimpiantati. Il   successo   di   questo   sistema   dipende   dalla   vostra età    e    dal    numero    di    ovociti    che    si    riescono    a recuperare. Questo    sistema,    così    come    il    congelamento    degli embrioni,   ha   bisogno   di   una   stimolazione   ovarica, che     però     potrebbe     risvegliare     anche     eventuali cellule tumorali sensibili agli ormoni. Quali      ulteriori      possibilità      avete?      Sempre      a discrezione    dei    vostri    medici,    che    valuteranno    i metodi   più   adatti   in   base   al   vostro   percorso   clinico personale,         si         potranno,         per         esempio, “addormentare”        le        cellule        destinate        alla riproduzione,        grazie        alla        somministrazione farmacologica    di    analoghi    del    GnRH ,    che    non ritardano   l’inizio   delle   cure,   sono   ben   tollerati,   ma soprattutto    non    dovrete    finire    sotto    i    ferri    per l’ennesima volta. Un   altro   modo   per   la   preservazione   della   fertilità   è   il congelamento   del   tessuto    ovarico .   Ma   siamo   alle solite.   Questo   iter,   infatti,   prevede   un   intervento   in laparoscopia,   con   anestesia   generale,   che   rimanda l’inizio    delle    cure    oncologiche,    anche    se    di    pochi giorni.   Il   tessuto   ovarico   prelevato   viene   suddiviso   in frammenti   e   conservato   in   azoto   liquido   così   come ovociti   e   embrioni.   E’   una   tecnica   che   non   richiede   la stimolazione   ovarica   ed   è   l’unica,   al   momento,   che   si conosca   per   preservare   la   fertilità   nelle   pazienti   in età prepuberale. E   se   non   ve   la   sentite   di   intraprendere   un   ennesimo percorso     medico,     fatto     di     interventi,     esami     o farmaci   da   prendere,   e   comunque   avete   un   cuore grande   che   va   al   di   là   del   fatto   che   abbiate   o   meno partorito   una   creatura   fatta   del   sangue   del   vostro sangue, ricordatevi che c’è sempre l’ adozione. Aver   avuto   un   cancro   NON   E’   DISCRIMINANTE   PER L’ADOZIONE     DI     UN     BAMBINO.     Certo,     forse     il percorso    sarà    più    lungo,    dovrete    dimostrare    di essere   in   grado   di   prendervi   cura   di   lui   o   lei,   avrete probabilmente   la   necessità   di   fare   più   incontri   con tribunali,    assistenti    sociali    e    psicologi,    ma    se    è veramente quello che volete, fatelo! *

 RELAZIONI, AMICIZIA,

E AMORI:

RITORNARE SINGLE

Per   molte   di   noi,   la   malattia   è   stata   la   prova   del   nove di    molte    relazioni    e    di    parecchi    matrimoni.E    non sempre        questa        prova        è        stata        superata brillantemente.   Anzi,   il   più   delle   volte   ci   siamo   trovate alle   prese   con   uomini   poco   presenti   emotivamente, che   non   ci   capivano   e,   nel   peggiore   delle   ipotesi,   che ci    abbandonavano.    Personalmente,    il    mio    se    n’è uscito   con   la   frase:   “Non   mi   piaci   più   fisicamente”.   Eh si   una   tetta   fa   la   differenza   in   una   relazione.   Fa   la differenza     se     non     ci     si     ama     veramente,     fa     la differenza    se    si    ha    paura,    fa    la    differenza    se    si    è egoisti.   Una   cosa   è   certa:   gli   uomini   sono   (quasi)   tutti stronzi.    Quindi,    la    prova    del    nove,    se    non    viene superata,   rimescola   le   carte   e   ci   fa   partire   da   zero come    donne    e    come    relazionarci    con    i    successivi partner   o   persone   di   sesso   maschile.   A   un   anno   e mezzo   dalla   diagnosi,   mi   ritrovai   senza   una   tetta,   ma con   una   protesi   e   i   capelli   cortissimi,   e   pure   single.   Il mio   ex   ragazzo   non   è   mai   stato   presente   o   empatico verso   le   mie   necessità,   e   men   che   meno   quando   mi sono   ammalata,   forse   fatta   eccezione   per   l’intervento e   il   post   intervento   (durata   media   del   cambiamento circa    dieci    giorni).    Come    affrontare    tutto    ciò,    mi chiederete?   Intanto   guardatevi   intorno:   chi   vi   è   stato veramente   vicino?   Chi   si   è   occupato   di   voi?   Chi   vi   ha capito,    consolato,    ascoltato,    aiutato?    Gli    amici?    Le amiche?   I   familiari?   I   conoscenti?   I   colleghi?   Partite   da loro.   Da   chi   vi   vuole   veramente   bene   e   ci   tiene   a   voi. Saranno    la    vostra    forza,    perché    vi    aiuteranno    a trovare   sicurezza   in   voi   stesse   e   a   riprendere   in   mano la   vostra   vita.   Valutate   cosa   vi   manca:   mi   ero   resa conto   di   non   avere   amicizie   maschili   o   amiche   single con    cui    uscire.    Create    rete    e    il    resto    verrà    da    sé. Iscrivetevi   a   dei   corsi   dove   ci   sia   gente   da   conoscere, utilizzate     internet     in     maniera     consapevole     per conoscere   nuove   persone:   magari   all’inizio   non   sarà facile   e   vi   farete   prendere   dallo   scoramento,   ma   non mollate.   Fate   quello   che   vi   piace:   un   corso   di   ballo, piscina,      oppure      iscrivetevi      a      dei      circoli,      delle associazioni,    dei    corsi    di    cucina.    Unite    le    vostre passioni   alle   persone.   Create   legami.   Vi   stupirete   di quanta   gente   potrete   conoscere   e   quante   cose   belle potrete     fare.     Ovviamente     la     delusione     potrebbe essere   dietro   l’angolo.   Ma   è   la   vita,   bisogna   andare avanti.   Qualcuno   non   vi   capirà,   qualcuno   vi   prenderà in   giro,   qualcun   altro   seguirà   altre   strade.   Ma   molti rimarranno,   vorranno   sentirvi   e   uscire   con   voi,   perché ci    tengono.    Ed    è    da    li    che    dovrete    partire.    Non sprecate   energie   e   tempo   con   persone   che   valgono poco.   Valutate   se   vi   fa   stare   bene   e   siate   selettive.   Al primo   posto   ci   siete   sempre   voi   e   nessun   altra.   Ve   lo meritate,   ce   lo   meritiamo.   Cambiate   quello   che   non   vi piace,   vivete   il   presente   pienamente   senza   pensare   al passato     o     al     futuro.     Le     situazioni     hanno     molte prospettive   soggettive.   Se   una   situazione   non   vi   piace è   perché   la   si   guarda   da   una   prospettiva   sbagliata. Cercatene   il   senso   positivo   e   adoperatevi   a   costruire la vostra felicità.
LA NUOVA VITA